The Imitation Game, si poteva osare di più

Partiamo da un dato di fatto: non è un brutto film. Cumberbatch è un bravo attore, lo aveva già dimostrato in Sherlock e qui lo conferma. Desplat sempre in formissima!

Ma la tormentata figura di Alan Turing si meritava di più, e in questo articolo di Wired potete leggere alcune critiche. Era la giusta occasione per dare valore ad un personaggio, ad un uomo che solo da pochi anni (leggere su Wikipedia la parte dedicate alle “scuse tardive”) ha avuto la giusta riconoscenza. Ora, un punto a favore dell’opera, è che ha fatto conoscere a tutti un personaggio chiave del XX secolo. Voglio assolutamente leggere un libro che parli della sua vita. Se avete dei consigli vi invito a scriverli nei commenti, grazie!

EDIT: altra recensione che evidenzia la povertà del film.

Annunci

2 thoughts on “The Imitation Game, si poteva osare di più

  1. Non conoscevo bene Turing, sulla sua storia ricordo solo di aver letto tanto tempo fa un romanzo di Follett, che per altro stravolgeva e romanzava parecchio.
    Comunque a me il film è piaciuto da matti 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...