Steve Caballero

Quando una decina d’anni fa giocavo a Tony Hawk’s pro skater 2 (Play Station), sceglievo sempre lui, aveva una faccia troppo simpatica. Stanotte leggevo Rolling Stone ed ho trovato un articolo su di lui. Quest’anno è uscito un documentario sulla sua vita (Bones brigade: an autobiography). Il regista (Stacy Peralta) è lo stesso di Dogtown and Z-boys e Lord of Dogtown (writer). Entrambi i prodotti parlano del gruppo di ragazzi che rivoluzionò il mondo dello skate nel ’70 o giù di lì.

Ma torniamo a Steve. L’articolo che ho letto mi ha fatto scoprire un aspetto della sua vita di cui non ero al corrente. Steve ha la scoliosi da quando era piccolo. Un deficit così non è proprio il massimo per uno che va sullo skateboard. Aggiungi a questo un carattere frenetico in uno dei sobborghi di San José ed ottieni un mix micidiale. Infatti ha rischiato di finire in riformatorio per aver distrutto un’aula scolastica. Ma qui intervengono lo skateboard e Stacy Peralta.

Il resto è storia:

  • 2nd in 1979 Winchester Open (San Jose).
  • 1st in 1983 Upland Pro-Am (California): pro pool.
  • 1st in 1988 Titus World Cup (Germany): streetstyle.
  • 1st in 1989 NSA Contest (Hawaii): mini ramp.
  • 1st in 2012 Protec Pool Party (California): pro pool.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...