District 9

Ebbravo Peter Jackson che produce film del genere!

Basato su un cortometraggio, il film tratta temi molto scottanti, come la xenofobia e la segregazione razziale. Nel film a farne le spese sono gli alieni, che all’inizio degl’anni Ottanta si fermano su Johannesburg con la loro navicella e non riescono più a ripartire, probabilmente per dei danni ai motori. Il governo Sudafricano prende subito dei provvedimenti, e dopo aver ispezionato la nave, porta in salvo gli alieni. Peccato che dopo i primi problemi di convivenza con i terrestri, i non-umani vengano relegati in un campo profughi che assomiglia tanto a quei campi visti durante le Guerre Mondiali. La zona prende il nome di Distretto Nove (ispirato al District Six nato a Cape Town durante l’apartheid). Agli extraterrestri non sta tanto bene questa situazione, ed organizzano delle rivolte. Il governo decide di prendere dei provvedimenti: i “gamberoni” (così vengono chiamati in modo dispregiativo gli omini con le antenne) dovranno essere spostati in una tendopoli a 240 km dalla città. La MNU (Multi-National United), è una multinazionale che controlla e studia gli alieni, soprattutto i loro armamenti, per cercare di sfruttare le loro potenzialità e produrre nuove armi. A capo delle sgombero viene messo l’incapace Wikus, che lavora alla MNU solo perché è sposato con la figlia del capo. Diciamo che da qui in avanti il film prenderà una piega inaspettata, e perciò non rivelo altro.

Un buon film davvero, meno male che Peter ha voluto credere in questo progetto. Alieni ben realizzati, scene d’azione convincenti, e morale che la fa da padrona. Se potete, guardatelo!

Annunci

2 thoughts on “District 9

  1. Confesso che sono uno dei pochi che questo film non è riuscito ad apprezzarlo.
    Ricordo la visione al cinema con dolore quasi fisico. Tanto che, a distanza di anni, l’ho inserito nella mia lista dei 10 film più brutti :-D…
    Come ho già scritto rispondendo a un tuo commento sul mio blog, “L’ho trovato sciatto e insulso: non basta parlare metaforicamente del razzismo per fare un bel film, ci vogliono anche contenuti e sensibilità, e di queste due qualità District 9 è assolutamente privo”.

    Comunque, alla fine vale sempre la stessa regola: “de gustibus non disputandum est”…
    ciaoo!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...